La parabola della piscina, ovvero il distorto rapporto degli italiani con le regole

Un simpatico racconto, o parabola, sul distorto rapporto degli italiani con le regole.


“Cioè, come vedete, anche in questo racconto o parabola, a seconda di quella che la vogliamo considerare, ci sono molti elementi analoghi” (Don Alfio)

Questa estate ho avuto qualche problemino alla schiena, che mi ha portato a zoppicare parecchio. Dopo qualche seduta dall’osteopata, che mi ha sistemato un po’ tutto, ho quindi iniziato a frequentare quasi quotidianamente la piscina, per mantenere l’equilibrio faticosamente ristabilito.

Iniziare la giornata in piscina è un piacere di quelli assoluti e, anche se complica alquanto la gestione della giornata, vale decisamente il prezzo del biglietto. La mattina presto in piscina non c’è praticamente nessuno e spesso faccio le mie vasche nella solitudine più completa, trovando l’occasione per rimettere a posto i pensieri, oltre che le articolazioni.
Stamattina è avvenuto un fatto bizzarro, ma istruttivo.

Arriva un ragazzo indossando una di quelle mute da piscina che lasciano scoperte braccia e gambe. Per intenderci quelle che usano i nuotatori professionisti per scivolare meglio nell’acqua, o gli anziani per non sentire freddo. La temperatura della piscina è tipo sauna, il tipo ha a malapena trentanni, quindi penso: “Oh, stai a vedere che stamattina nuoterò con un fenomeno vero.”

Peccato che nonostante l’attrezzatura hi-tech il tizio si è dimenticato di indossare la cuffia. A me non va di bermi i capelli degli altri e probabilmente mi scappa uno sguardo un po’ torvo. Il tipo così inizia a nuotare con un bizzarro stile a cagnolino.

Immaginatevi uno vestito tipo Michael Phelps ai Campionati Mondiali di Nuoto, che nuota a cagnolino, tenendo la testa fuori dall’acqua. Una di quelle cose che mi fanno interrogare parecchio sulla natura bizzarra dell’anima umana.

Però il nostro eroe, dopo qualche vasca prende a nuotare di gusto a stile libero, infilando la folta capigliatura sott’acqua.

Spazientito, redarguisco il capelluto nuotatore e gli dico che non è consentito venire in piscina senza indossare la cuffia. Al ché il nostro eroe mi risponde che l’ha dimenticata a casa perché ha fatto tardi.
Non essendo né suo padre, né il suo maestro non capisco perché si debba giustificare con me, così mi limito a informarlo che in questi casi può passare in segreteria, dove gli possono consegnare una cuffia.
Risponde di nuovo che ha fatto tardi.

A quel punto mi spazientisco ulteriormente e rispondo: “NON. PUOI. NUOTARE. SENZA. CUFFIA. IN. SEGRETERIA. PUOI. FARTENE. DARE. UNA.”
In qualsiasi altra parte del mondo a questo punto si verificherebbero le seguenti possibili reazioni:

  • Reazione Hulk: il tipo si arrabbia e inizia a litigare ribadendo il proprio diritto di violare le regole.
  • Reazione Calimero: il tipo si vergogna e se ne va via dalla piscina, maledicendo il sottoscritto e il mondo intero per la loro assenza di empatia.
  • Reazione Spock: il tipo va in segreteria a farsi consegnare una cuffia e nuota felice e gagliardo per ore, umiliando il sottoscritto con un vigore degno di un oro olimpico.
  • Reazione Saul Goodman: il tipo scusandosi apparentemente, cerca di convincere il sottoscritto a soprassedere, con brillanti argomentazioni.

Invece siamo in Italia, la patria mondiale del pensiero laterale, dove se c’è un problema si inventa una soluzione assurda pur di aggirare le regole, che comunque vanno violate a costo di farsi male.

Il tizio ricomincia a nuotare a cagnolino. Passa più di mezz’ora ad annaspare con le vene del collo, che esplodono, tenendo testa e collo oltre il pelo dell’acqua. Spende mezz’ora in una attività ridicola di nessun giovamento fisico, ma ha fatto tardi, ha dimenticato la cuffia, è in piscina con un rompiscatole e quello è l’unico modo che ha per eludere le regole. Si fa un mazzo così, per non spendere due minuti del suo tempo e godersi la nuotata in santa pace.

Ecco nel nuotatore cagnolino vedo una parabola formidabile del rapporto degli italiani con le regole. Siamo nella massima parte un paese di trasgressori, di persone strette in una compulsione totale alla violazione delle regole del vivere comune. L’unica cosa che ci frena è la minaccia di una sanzione, mai il pensiero di violare la sfera di libertà altrui che quelle regole difendono. Temiamo solo la sanzione. E a costo di elaborare soluzioni controproducenti, viviamo così, annaspando come cagnolini violando le regole, ma cercando di evitare la sanzione.

E questo vale in piscina, in famiglia, sul lavoro, perfino nelle commissioni europee.

Un paese di cagnolini, che annaspano.

Annunci

Le provocazioni hanno rotto i coglioni (oh, leggi fino in fondo però)

Che si tratti di stilisti affermati, di scrittrici osannate, o di venerabili giornalisti, nessuno di questi tempi sfugge alla tentazione di esplorare i confini della provocazione. Purtroppo però la provocazione è qualcosa da maneggiare con cura, perché ha la tendenza ferina a rivoltarsi di sovente contro il proprio padrone.

Continua a leggere…

Un modo di pensare

Oggi mi è tornato in mente “Un modo di pensare” un racconto breve di Theodore Sturgeon, che trovo perfetto per descrivere i social network in questa desolante stagione.

Ebbi la fortuna di leggere quel racconto, ormai introvabile in italiano, da adolescente nella raccolta “Semi di stelle”, in quel periodo mitico in cui nella rivista Urania ancora riciclavano le copertine di Karel Thole.

Continua a leggere…

Il Continuum Gibson, ovvero come ho imparato ad odiare gli anni ’80

Le serie televisive di fantascienza e fantasy contemporanee sembrano uscite da un televisore impazzito perennemente sintonizzato sugli anni ’80 e ’90. Dall’effetto nostalgia iniziale si sta passando a una nausea da Giorno della Marmotta.

Continua a leggere…

28 giorni dopo, ovvero storia della pandemia di rabbia italiana

L’11 gennaio ho subito un intervento chirurgico particolarmente fastidioso, che mi ha tenuto a casa per 28 giorni esatti. I primi 12 giorni di degenza sono stati particolarmente duri, perché ero preda di dolori intensi e non ho mai potuto dormire per più di un paio d’ore di fila. La mia piccola finestra sul mondo in quei 28 giorni è stata la televisione generalista.

Continua a leggere…

Video killed the Web Star

Qualche giorno fa sono rimasto a casa per un’influenza, così mi sono messo a sbirciare qualche programma televisivo, incrociando di tanto in tanto le ospitate di qualche webstar. Sono rimasto colpito dalla assoluta penosità dei vari personaggi una volta passati dal contesto digitale a quello televisivo.

Continua a leggere…

IL METODO DI GIANNI IL BUONO PER LIBERARSI DEI CALL CENTER

I call center ti danno il tormento? Sei molestato quotidianamente da operatori di call center che ti tormentano presentando le loro offerte commerciali, di cui non hai assolutamente bisogno? Ormai lasci la suoneria spenta e non rispondi più ai numeri che non conosci?

Allora hai bisogno del Metodo di Gianni il Buono per liberarti dei Call Center!

Funziona grosso modo come descritto nel dialogo sottostante ed è garantito al 100%. In un solo anno le telefonate dei molestatori aziendali si sono ridotte del 90%.

Continua a leggere…

Il video virale dei bancari e il cyberbullismo come se fosse antani

Con rapidità sorprendente è diventato virale un video, in cui dei dipendenti di una filiale di una importante banca italiana si esibivano in una performance surreale e grottesca. Il video si inseriva in una sorta di gara di simpatia e creatività tra filiali. In pratica una gara di locura tra bancari. Il grigiore della vita dei bancari trasfigurato in una luccicante fiction RAI scritta da Ivan Cotroneo.

Continua a leggere…

Gli Occhi del Drago: Game of Thrones 07×06 The Dragon and the Wolf

La barca degli sceneggiatori, è salpata verso il porto turistico di Santa Marinella. I tre sceneggiatori, illustrano a René Ferretti e ad Alessandro i risultati che ha fornito il Compendio per “The Dragon and the Wolf” il finale della settima stagione di Game of Thrones.

Continua a leggere…

Gli Occhi del Drago: Game of Thrones 07×06 Beyond the Wall

A bordo della barca dei tre sceneggiatori il clima è più disteso e tutti stanno cenando con dei saraghi appena pescati… Gli sceneggiatori espongono a René Ferretti e allo stagista Alessandro la trama di “Beyond the Wall” la sesta puntata di Game of Thrones.

Continua a leggere…