Progetto #Gilda35 Beta 1.2: Dr. Jovanz74, l’Esperimento Fine di Mondo e i suoi allegri #Faketoptweets

astroboySarà che sono nato con Pong…
Sarà che, come ogni brava pallina di pixel, non posso fare che sbattere da un lato all’altro del monitor …
Sarà che quando per caso m’imbatto in qualcosa che m’incuriosisce, m’incaponisco …
Sarà che ho sbattuto su Twitter adesso lo amo e come ogni cosa che amo desidero possederla in modo totale…
Necessaria premessa: ogni tanto inserirò tra parentesi qualche spiegazione dell’atroce gergo da smanettone che utilizzo. Se non capite qualche vocabolo segnalatemelo provvederò a rendere il testo più leggibile.
Altrettanto necessaria premessa: amo Twitter appassionatamente e ricambiato, ma non mi piace la piega che sta prendendo.
Una sera di fine luglio, mentre lungo la costa ischitana fumavo sereno un sigaro, perdendomi nell’orizzonte mutevole del mare e nei primi sospiri della sera, coi pensieri che si scioglievano come il fumo, mi venne in mente un tweet scioccherello:

  • @Jovanz74#twitter: 140 caratteri per dire qualcosa. #fb: caratteri infiniti per non dire niente.

Una piccola sciocca dichiarazione al mondo buttata lì tanto per dire qualcosa. Una frase insulsa gettata tra le onde del web, per dichiarare il mio smodato amore per Twitter e la nausea per Facebook. Siate clementi, erano i miei primi timidi passi da niubbi (nuovo utente) su Twitter. All’epoca non raggiungevo i 100 followers, che per la maggior parte del tempo m’ignoravano, come è il destino di ogni niubbi di un social network.
Ma sorpresa!
Dopo mezz’ora controllo i miei tweet e rinvengo una menzione di Resonancers, che mi informa che sono diventato un toptweeter! Mi chiedo ma che accidenti è un toptweeter? Vado sulla pagina del sito col mio smartphone e scopro di essere uno dei trenta autori di tweet in italiano più “resonante” (=retwittato). Sorbole! Mi chiedo come ha fatto un Mr. Nessuno come me a finire in toptweet, così rapidamente… Qui su Twitter scrivono popstar, politici, giornalisti, intellettuali, scrittori, opinion maker. Tra tutti e 120.000 utenti proprio me! E per una frase così scema poi!
Allora guardo tra i toptweet e scorgo il mio faccione incastonato tra quelli di Hanna Montana e i Jonas Brothers. Sbigottito mi interrogo: i casi sono due o ho sbagliato lavoro e dovevo guadagnarmi da vivere come copywriter di piccoli slogan insulsi, o qualcosa non va nell'algoritmo che seleziona i toptweet.
Incuriosito inizio a prestare attenzione crescente al fenomeno.
Mi si apre un mondo meraviglioso.
Riporto di seguito i contenuti segnalati dai toptweet quel giorno (riporto in rosso qualche interessante parola chiave):

  • Jovanz74#twitter: 140 caratteri per dire qualcosa. #fb: caratteri infiniti per non dire niente. 8:23 PM Jul 25th via Twitter for iPhone Ritwittato da toptweets_it e da 87 altri
  • ItsGiuliaBQui su twitterinvecchieremo insieme..promettete di non cancellarvi,promettete di restare anche se avrete 30 anni u.u ❤ 9:42 PM Jul 25th via Echofon Ritwittato da toptweets_it e da 63 altri
  • xshiningstars_prima tutti odiavano chloeora che è venuta in italia tutti la amano .___. 2:50 PM Jul 25th via web Ritwittato da toptweets_it e da 35 altri
  • rockingmessTwitter: covo di ragazze che condividono passioni, sentimenti, pensieri, momenti della vita e tutto questo via web. Tutti dovrebbero averlo. 5:38 PM Jul 25th via web Ritwittato da toptweets_it e da 49 altri
  • RooonnieMi piace il fatto che la maggior parte delle persone che conosco non ha twitter, mi sento molto più libera e non devo preoccuparmi mai! ùù 4:52 PM Jul 24th via web Ritwittato da toptweets_it e da 61 altri
  • likeamadhatterma non è che se uno scrive abbreviato deve essere a forza un bimbominkia D: 4:54 PM Jul 24th via Power Twitter Ritwittato da toptweets_it e da 22 altri
  • __imthekeyTu che quando vai dal parrucchiere non sai mai che faccia fare davanti allo specchio, ti stimo v.v 3:27 PM Jul 24th via UberTwitter Ritwittato da toptweets_it e da 37 altri
  • yoursmile_Ormai Twitterè diventata un'abitudine, uno stile di vita e a volte mi chiedo: "Ma prima cosa facevo senza?" 🙂 3:36 PM Jul 24th via web Ritwittato da toptweets_it e da 44 altri
  • _YouLostMeio Odio 3 Metri sopra a sto cazzo… nn l'ho visto mai e nn lo vorrei mai vederee .___. tutti i film di quel cretino mi fanno vomitare -.- 3:18 PM Jul 24th via web Ritwittato da toptweets_it e da 34 altri
  • nicksguitar_voi di twitterche vi vantate solo perchè siete followate da qualche star o avete ricevuto una reply,e vi credete chissà chi SIETE RIDICOLE! 3:08 PM Jul 24th via web Ritwittato da toptweets_it e da 53 altri
  • ValyOJDJonas___Questo tweet è dedicato a tutte quelle persone che sanno cosa vuol dire soffrire per amicizia e ormai si fidano solo di pochi… 10:34 PM Jul 23rd via web Ritwittato da toptweets_it e da 56 altri
  • sudsoundsystemA Cerano sta succedendo qualcosa di strano da due ore esce fumo rosso visibile da Trepuzzi: diffondete! http://yfrog.us/i38zlz 4:03 PM Jul 23rd via Twitter for iPhone Ritwittato da toptweets_it e da 19 altri
  • GioJonas_IItwitterè un piccolo paradiso virtuale ùù puoi dire qullo che vuoi, offendere chi vuoi, parlare con le star e nessuno ti dirà mai nulla 3:57 PM Jul 23rd via web Ritwittato da toptweets_it e da 29 altri
  • xnicksjerrynon sopporto le ragazze qui su twitterche si credono VIP…sono scandalose 11:42 PM Jul 22nd via web Ritwittato da toptweets_it e da 60 altri
  • _imyourcowboyil problema delle favole è che provocano delusioni alle ragazze. nella vita reale il principe se ne va con la principessa sbagliata 11:21 PM Jul 22nd via web Ritwittato da toptweets_it e da 42 altri
  • xharmony_Ma mia mamma è l'unica che si lamenta che sto sempre sul computer? '-' 7:55 PM Jul 22nd via web Ritwittato da toptweets_it e da 55 altri
  • IlSinistro"Ero alla bancarotta,il governo era alla bancarotta,il mondo era alla bancarotta. Ma chi cazzo li aveva,i fottuti soldi?" Charles Bukowski 12:09 PM Jul 22nd via Power Twitter Ritwittato da toptweets_it e da 24 altri
  • xitsagoodbyeSE LE RAGAZZE PENSANO A TE NELL'ANGOLINO, AMORE MIO..SONO CRETINE. @kevinjonas10:34 PM Jul 20th via web Ritwittato da toptweets_it e da 33 altri
  • 3ItaliaLe mele fresche? Saranno disponibili dal 30 luglio nei migliori negozi 3! Nei prossimi giorni tutte le info sull'offerta. #iphone46:49 PM Jul 21st via web Ritwittato da toptweets_it e da 53 altri

N.B.: I tweet sopra elencati provengono tutti da @toptweet_it, non li ho alterati, né ho aggiunto nulla. Rispecchiano l’esatto ordine cronologico in cui sono stati postati su toptweet (dal più recente al più vecchio).
N.B.: i messaggi sono stati Retwittati in un range compreso tra un minimo di 19 volte (quello di @sudsoundsystem) e un massimo di 87 volte (il mio, sic!)
N.B.: tutti i Retweet sono stati effettuati in orario pomeridiano o serale (sono assenti i tweet A.M.).

Avete per caso notato che in quasi tutti i messaggi appare la parola Twitter?
La parola Twitter in questi toptweet era associata al volto di bei giovani (ovviamente escluso il mio XD), con messaggi accattivanti, che trasudanol’idea di un social network con una bassa età media, utilizzato da adolescenti piacioni, che amano frequentarsi anche nella vita reale…
Che bella immagine fresca, frizzante, spensierata e accattivante, che trasmettevano quei toptweet dello stesso social network, in cui erano stati generati. Cerchi su Google Twitter, clicchi sul link e ti si apre questa splendida homepage di giovani un po’ scapestrati ma simpatici, che ti raccontano di quanto si stanno divertendo. Quanta spontaneità!
Se andate poi a cercare gli autori di questi illuminanti messaggi noterete che come avatar (immagine del profilo) hanno nella stragrande maggioranza dei casi una foto di un membro dei Jonas Brothers, o di Hanna Montana. Anche i nickname (Jonas, Nick, ecc…) richiamano i nomi di questi  fenomeni mediatici costruiti dalla Disney per il pubblico americano, che non mi sembravano così virali tra i nostri adolescenti… Possibile che i Jonas Brothers, una simpatica band di fondamentalisti protestanti Evangelical con tanto di anello di castità benedetto da George Bush Jr. spopolino così tanto tra i nostri giovani, da soppiantare ogni altra popstar? Mi pareva un po’ strano. E’ come se in Francia andassero pazzi per i GEM Rosso (la rock band dell’Azione Cattolica Italiana).
La mia attenzione si soffermava poi su un Toptweet di @3Italia, che pubblicizzava il lancio del nuovo iPhone. Ero sinceramente curioso di conoscere i 53 individui che avevano retwittato una reclame. Apple addicted? 3Italia maniacs?
Poi c’erano la citazione alta (Bukowski) e quella alternativa (Sud Sound System) che parevano buttate lì a dire “però se cercate qualcos’altro lo potete trovare”
. Come una strizzatina d’occhio.
E poi c’era il mio faccione in giacca e cravatta, che pubblicizzava Twitter… In quel contesto parevo uno di quei trentenni minchioni, preda di foie giovanilistiche.
Era una pagina talmente perfetta da rasentare il trascendente. Una reclame perfetta di Twitter. Una di quelle pubblicità perfette di cui vi ho parlato nei post precedenti basate sul richiamo a valori condivisi dai prosumer e al loro incestuoso legame con il brand.
Qual era il criterio con cui quel florilegio di messaggi era finito in toptweet?
Capivo dalle scarse informazioni fornite da Resonancers che uno dei criteri per salire ai toptweet era il numero di retweet.
La cosa mi lasciava attonito.
I casi erano due o si stava verificando un fenomeno serendipitario per cui tante persone in sincrono facevano da cassa di risonanza a qualunque cosa contenesse la parola "Twitter" ed evocasse i Jonas Brothers, o qui c’era qualcosa di poco chiaro.

La cosa mi dispiaceva, perché adoro Twitter, è davvero bellissimo…
Però…
Però la homepage è importante.
I più evoluti di noi usano i propri smartphone, per connettersi a Twitter, o applicativi come twitdeck, ma molti accedono da PC via internetbrowser e passano per la homepage. Chi non ha un account di Twitter al primo accesso passa per la home prima di crearlo e questa gli fornisce una panoramica dei contenuti che troverà. La homepage è una cartina al tornasole. La homepage comunica quale direzione sta prendendo il prodotto web designed cui ti sei connesso.
Perché quella pagina trasudava design d'alto livello, assemblando apparente pattume da bimbominkia?
Perché l'effetto, se uno la degnava di un'occhiata di sfuggita, era bello e ammiccante?
Come un mostro di Frankenstein fatto di frattaglie in bimbominkiese che nell'insieme generasse una topmodel.
Una vertigine di design for prosumer.
Ma Twitter non era il social network libero e indipendente?
Ma non era Evan Williams (uno dei co-fondatori del nostro amato social network) che nel 2008 dichiarava ieratico:“Non voglio fare soldi, voglio solo che la gente usi il mio servizio.”

Erano queste le cose che mi avevano attratto di Twitter lo spirito libero, indipendente, social, pulito. Invece mi trovavo davanti a una homepage che pareva costruita da un webdesigner con dei copywriter coi contro coglioni, che pubblicizzava in modo subdolo sia Twitter che la Disney! Il tutto all'apparenza generato casualmente! Eppure non c’era traccia dei contenuti da microblog sensibili, intelligenti, sferzanti, che tanto mi avevano colpito, incontrati per caso, scorrazzando proprio su Twitter. Nessuna traccia di quei contenuti che avevano veramente risuonato nella mia mente.
Allora così, quasi per gioco, elaborai il progetto #faketoptweet
l’embrione del progetto #Gilda35.
Ogni giorno controllavo i contenuti top (ho una velocità di lettura e scrittura da capogiro, ormai ve ne sarete accorti) prendevo un toptweet o due e li alteravo. Sottolineo che in questa prima fase non venni aggredito da BOT (capirete nei prossimi post questa precisazione), al massimo da qualche profilo ufficiale di qualche società (cosa corretta a mio avviso).
I miei scherzosi #Faketoptweet avevano lo scopo di porre l’accento sulla violenza, la futilità e spesso il sessismo che trasudavano dai toptweet, i quali stante la pausa estiva divenivano ogni giorno più scadenti e spesso brutali.

Così decisi di realizzare un piccolo cortocircuito narrativo!
I miei faketoptweet erano il capovolgimento narrativo di un toptweet. Ne erano l'epifania. Il disvelamento.
Associavo la mia faccia seriosa a deliranti messaggi bimbominkieski, per disvelare il lavoro che dietro ai fake dei Jonas, stava facendo qualche copywirter. Un faketoptweet  riprende i piccoli escamotage narrativi  dei toptweet, per rivolgerli contro i fake che li hanno elaborati. Sono piccoli amorosi haiku all'insensatezza e alla volgarità.
I miei amici di Twitter vivevano nel loro piccolo mondo perfetto di intellettuali, pro-gamers, informatici, professionisti, conducendo felici le loro relazioni virtuali, mentre attorno a loro Twitter stava cambiando, senza che se ne rendessero conto.
Dovevo portare il pattume indecente dei toptweet bimbominkia nelle loro vite.
Dovevo portare la consapevolezza del
l'assalto dei fake delle Major nelle loro timeline.
Dovevo svegliare le persone più belle e intelligenti che avessi mai incontrato in un social network, per salvare da se stesso il social network più bello e intelligente che avessi mai incontrato.
Più lavoravo sui faketoptweet, più i dubbi diventavano consapevolezze.
Più andavo avanti più vedevo che i contenuti dei toptweet di giorno in giorno evolvevano in modo deteriore verso un giovanilismo bimbominkiese con l’oppressiva presenza dei Jonas Brothers e di Hanna Montana (aka Miley Cyrus) in ogni anfratto.
C'era una piega odiosamente antropologica nell'insieme dei toptweet di quell'agosto fatale.
C'era un messaggio sul fine ultimo dell'essere umano: tirare le mutandine ai Jonas Brothers!
C'era un messaggio sul fine ultimo della creazione: la quotazione in borsa di Twitter!
C'era un messaggio escatologico: l'annuncio della Seconda Venuta di Walt Disney!
Possibile che nessun hater di Berlusconi (così prolifici, ossessionanti e oppressivi in altri social network) avesse mandato niente in top?
Possibile che nessun tifoso di una squadra di calcio (di norma organizzati come truppe cammellate) avesse mandato niente in top?
Possibile che nessun fan di altre popstar (ce ne sono milioni con molto più seguito dei Jonas) avesse mandato niente in top?
Twitter era un social network con regole davvero tutte sue, o c’era qualcosa di strano.
Iniziai a intrufolarmi per curiosità nelle timeline dei toptweeters, che poi sono sempre lo stesso gruppetto di adolescenti sociopatici e feci delle illuminanti scoperte…
Premetto: se vedo un profilo  che per avatar ha la foto di una popstar o una topmodel e posta elaborate minchiate, mi puzza di fake lontano un miglio.
Premetto: se vedo un profilo che per avatar ha l’uccellino colorato di twitter e non fa che followare il prossimo grido al BOT 1.0!
Premetto: se vedo un profilo che per avatar ha la foto di una popstar e vive di spam e retweet grido al BOT 2.0!
Per la cronaca: un fake
è un utente che recita su un social network un “ruolo” che non corrisponde alla propria reale identità (es. un nerd maschio e sfigato trentenne, che si finge una topmodel dalla vita esaltante, o peggio un copywriter di una Major che si finge un adolescente per fare marketing virale a una popstar, ogni riferimento è puramente voluto…).
Per la cronaca: un BOT
è un software che si comporta come un utente umano, creando un profilo e conducendo delle routine di attività (tipo nel caso di Twitter followare, spammare messaggi, retwittare).
Le mie scorrazzate tra i toptweeters mi lasciarono questa sensazione (sottolineo che su internet è impossibile arrivare a conclusioni):

  • da un lato un gruppo di autentici ragazzini mentecatti monitorati da BOT 2.0, che retwittavano random qualunque cacchiata contenesse la parola Jonas o Twitter;
  • dall’altro un simpatico gruppo di copywriter col proprio codazzo di BOT 2.0, che organizzavano i contenuti;
  • in cima alla catena alimentare web designer cazzutissimi, che assemblavano il tutto in una danzante ghirlanda di contenuti bimbominkia, per allargare la base utenti e contestualmente adeguare il prodotto alle loro esigenze.

Internet è il “velo dipinto di coloro che il vivere chiamano vita” (cit.). Squarciarlo è impossibile. Però quel dubbio mi rimase dentro. Tutto ciò che riguarda internet è oggetto di un livello così alto di sofisticazione che ogni verifica è impossibile. Qualsiasi conclusione può essere confutata a posteriori.
Eppure mi chiesi:

  • Come funziona esattamente l’algoritmo dei toptweet?
  • E’ possibile comportandosi come dei BOT sbattere consapevolmente qualcosa in toptweet?
  • E’ possibile rispettando le regole del gioco, ma forzandole fino al loro limite estremo, costringere chi tiene le fila a battere un colpo?

Il seme di #Gilda35 era piantato.
Il progetto, allora senza nome, sarebbe stato suddiviso in una serie di step:

  • Fase Beta: si sarebbe concentrata sull’Esperimento Fine di Mondo ossia provare a far retwittare a un gruppo di amici un messaggio non sense, per vedere se l’algoritmo lo spediva in toptweet;
  • Fase Gold: compreso il funzionamento dell’algoritmo sabotare (lecitamente) la pagina dei toptweet con inserimento di messaggi non sense;
  • Add On: prendere per un giorno il controllo dell’intera pagina dei toptweet e verificare le contromisure che avrebbero preso i programmatori.

La via era tracciata il Dr. Jovanz e i suoi piccoli esperimenti di #faketoptweet erano pronti per l'Esperimento Fine di Mondo.

Coming Soon: Progetto #Gilda35 Beta 1.3: L’Esperimento Fine di Mondo, ovvero come ho imparato ad amare l’Algoritmo e vivere felice.

Annunci

6 pensieri su “Progetto #Gilda35 Beta 1.2: Dr. Jovanz74, l’Esperimento Fine di Mondo e i suoi allegri #Faketoptweets

  1. Come ti ho già detto su Twitter (sono PieraPi), adoro i tuoi fake toptweet e, incuriosita, sono venuta a leggerti. E' incredibile come sia piccolo il mondo, ricordo benissimo questo tweet (#twitter: 140 caratteri per dire qualcosa. #fb: caratteri infiniti per non dire niente). Era tuo! Pensa un po'!Nei prossimi giorni leggerò anche i tuoi altri interessanti post. P.S. La citazione di Kubrik è una vera chicca!

  2. C'è da notare che il meccanismo dell'homepage "perfetta" si ripete ancor oggi. Cambiano i tweet e i toptweeters, ma troviamo sempre un 90% di scemenze Disneycentriche intervallate da post acuti sull'attualità che facciano da richiamo anche per chi 13 anni li ha passati da un pezzo.Da un certo punto di vista sarebbe interessante conoscere le statistiche di accesso a Twitter (dal web o da client). Io rimango loggata sul web, per cui non accedo mai "casualmente" all'homepage. Ma per quanti è veramente il "benvenuto" in Twitter? la__splendida

  3. La verità forse sta nel mezzo.E' vero che ci sono i BOT. E' vero che ci sono i fake, ma temo che la maggior parte dei tweet bimbominkieski siano originati da effettivi bimbominchia, che per numero di simili retwittanti e supporto dei suddetti BOT finiscono in toptweet.Ma – guardando quelli di oggi ad esempio – non penso siano tutti tweet generati da account fake delle major.(tra le altre cose, le major stesse stanno tagliando i fondi per gli (e)street team,che proprio questo dovevano fare, quando erano nati). Hanno visto che ci son gli strumenti (TW e FB) che permettono loro di veder replicato e diffuso il messaggio facilmente' senza dover fomentare, basta qualche BOT (che a volte son gli stessi giovani fan a "costruire", gratuitamente).Come al solito domina nei toptweet la tribù che è più connessa, sia 'fisicamente' (=numero di utenti contemporaneamente connessi disposti a retwittare) che 'mentalmente' (non è un caso la presenza dell'iphone come citavi nell'esempio).Per quel poco tempo che ho passato lì finora, ho letto UN solo tweet che tentava di fomentare e coalizzare gli utenti BlackBerry -ed era comunque relativo ad un difetto del concorrente- mentre non si possono contare quelli dell'iPhone (anche solo citandolo o maledicendolo). Non è una novità che la comunità della mela sia molto più coesa e che l'oggetto in questione sia uno status symbol 'cool' mentre il BB non lo sia.Sul motivo per cui sono assenti squadre di calcio,penso sia connaturato alla stagione estiva (poco calcio in questa stagione. durante i mondiali ce n'erano, vediamo quando si scalda il campionato se succederà qualcosa).E per B.,forse l'utente medio-bimbominchia è effettivamente disinteressato alla politica.Evidentemente al pubblico di TW dei diritti umani interessa relativamente poco, mentre ostentare il fatto di esser fan di una band è un elemento distintivo per creare la propria immagine virtuale prima di tutto e per trovare amici dagli stessi gusti secondariamente (ignorando magari che esistono i #trend,che avrebbero quella funzione – c'è un mondo pieno di utonti là fuori).L'unico scrupolo che potrebbe realmente venire è sulla 'neutralità' di TW ad autopromuoversi.Ma per il resto, non vedrei algoritmi cuciti su misura per esporre un messaggio anzichè un altro. Al limite la censura di parole volgari (su questo sono comunque americani e devono dar l'immagine di esser bacchettoni).infine, da vecchietto caga**zzo qual sono nel ritratto del mio avatar TW,"…mondo perfetto di intellettuali, progaMmers, informatici…", 2M, altrimenti sembrano dei giocatori che lo fanno di professione per testare i videogiochi.braccinocorto

  4. Non posso che ripetermi: sei un genio! Però i bimbiminkia sono in netta maggioranza, quindi Twitter continuerà a fare di tutto per attrarli e farli sentire a loro agio. Non dico che sia una battaglia persa, ma forse è il caso di farsene una ragione e cercare un'alternativa.

  5. Vi ringrazio per i commenti molto stimolanti, vediamo di rispondere in modo ordinato:#1 Darty/PieraPi:  I #faketoptweet hanno proprio lo scopo di incuriosire e di creare un piccolo cortocircuito: perché quel signore rigido e impostato spara una boiata da bimbominkia. Lo scopo è proprio quello di gettare il classico seme del dubbio: e se dietro i faccioni degli avatar dei Jonas si nascondesse un signore compito che fa il copywriter di mestiere?#2 la_spledida: Innanzitutto complimenti per i tuoi faketoptweet che ormai sono molto più belli dei miei. Il problema dei toptweet non è rappresentato solamente dal fenomeno "porta di ingresso" (in tal caso darei ragione a chi dice mi loggo da TweetDeck e me ne fotto). Putroppo invece @Toptweets_it si presenta nella propria bio in questo modo: "Top Tweets seleziona e ritwitta attraverso un algoritmo i più interessanti tweet attualmente presenti su Twitter. Buon divertimento!" Se quei contenuti sono ritenuti "interessanti" dagli amministratori del sistema, significa una cosa sola: adegueranno il sistema per allargare la base utenti di chi cerca quei contenuti. Il che non è una promessa ma una minaccia.#3 braccinocorto: Grazie per i tuoi contributi mai banali. Anch'io penso che la verità sia nel mezzo e che sia complessa. Come ho cercato di chiarire nel post da un lato ci sono bimbiminkia autentici, dall'altro fake professionisti, dall'altro BOT che fanno retweet in automatico a qualsiasi cosa contenga certe parole d'ordine (es. Jonas). Però sono altrettanto convinto e gli esperimenti di questi giorni me l'hanno confermato, che gli amministratori sono interessati a "strutturare" Twitter come un luogo di svago e al massimo di sfogo di qualche innoquo contenuto champagne socialist, che fa tanto "spazio libero". Twitter non censura le parole volgari le bimbeminkia si danno della "troia" in @Toptweets_it ogni 3×2. L'unica volta che ho visto un messaggio calcistico, sottolineo a campionato iniziato è stato 5 minuti dopo che mi ero lamentato di questo fatto direttamente con @Toptweets_it (no comment). I contenuti sono chiaramente filtrati: ogni giorno c'è un blocco dell'aggiornamento fino all'ora di pranzo, i messaggi (dopo i nostri sabotaggi) vengono pubblicati con una differita di un ora. Molti nostri sabotaggi tecnicamente andati a segno (circa 25 RT in 7 minuti di media, un record che manco i BOT) non sono andati in @Toptweets_it. Inizio a sentirmi una marionetta che inizia a vedere i fili. PS per progamers intendo proprio progamers alcuni miei amici giocano praticamente a livelli semi pro ;)#5 utente anonimo: lo so che i bimbiminia sono in maggioranza e la cosa è inquietante. Io non cerco di portare la moralità su Twitter intendiamoci. C'è un'estetica anche dell'orrido, del pornografico, dell'osceno, dello scatologico. Ma il caso dei bimbiminkia è diverso. Sono la cartina al tornasole di una Società che ha smarrito ogni afflato ideale verso qualcosa che non sia mangiare/trombare/vivere decentemente/concedersi finte trasgressioni. I bimbiminkia seguono una spaventosa estetica del vuoto, figlia della peggiore lettura del nichilismo. Sono stato contento il giorno che una ragazza che aveva inviato in @Toptweets_it un contenuto offensivo per i bambini down ha chiesto scusa, grazie alla cagnara alzata da #Gilda35. Non perché volessi rieducarla, ma perché capisse che poteva scrivere anche la più grande oscenità, purché si assumesse la responsabilità che qualcuno poteva soffrirne.Chiudo ringraziandovi perchè mi fate sempre ragionare le cose da altre prospettive.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...