Anche le Nuvole Computazionali piangono

V for Gilda

Anche questa volta noi piccoli Ricercatori di Verità Dadaiste l’abbiamo fatta grossa.

Così noi Ricercatori ilari, irriverenti e fuggevoli abbiamo di nuovo mollato un cazzottone sul grugno a Tecnonucleo, i suoi BOT, le sue Nuvole Computazionali e le Macchine biologiche che lo servono…

Vado dritto al punto come una pallina di pixel…

Vado dritto al punto come i pugni chiusi della creazione…

Vi ricordate “Il Ragazzo che giocava con gli UFO?”…

“Ti credo”, mi direte, “sono giorni che non ci parli d’altro!”

Touché!

Allora il nostro nonPOST… dico nostro perché senza il contributo di Voi Ricercatori non sarebbe mai stato partorito dalla mia testolina dadaista e pazzoide..

Il nostro nonPOST, dicevo, ha fatto il giro dell’Arcipelago Britannico e in pochi giorni è stato fatto proprio da tantissimi blogger e addirittura da TweetStorm4Gary il gruppo di attivisti web che aiuta Gary nella sua battaglia.

Cito alcuni repost dei 497 risultati in Italiano e dei 48 in inglese, che mi ha restituito Google:

Insomma cari i miei Ricercatori abbiamo creato un cortocircuito, che oso definire storico: gli inglesi si sono appropriati in modo virale di un testo scritto in italiano. La versione italiana del nonPOST ha avuto molto più successo di quella inglese, proprio nelle pagine localizzate nello United Kingdom. Penso che solo #Gilda35 era capace di tanto.

Vi direte sarà finita qui…

E invece no adesso arriva il bello…

Prima una precisazione sul termine Nuvola Computazionale: è uno strumento con cui Tecnonucleo, tramite i propri BOT sparsi nella rete analizza e classifica tutti i termini da noi utilizzati durante le nostre interazioni via web. Immaginate gigantesche Tag Cloud che classificano ogni termine utilizzato da ogni utente del globo. Ciò è dovuto al fatto che buona parte di quello che si fa oggi via web è veicolato attraverso l’architettura di enormi “computer diffusi” e remoti…  in sostanza ogni volta che operiamo via web alimentiamo DIRETTAMENTE Tecnonucleo con le informazioni di cui ha bisogno, per fare “design per bimbominkia“… Magari non lo sapete ma sono l’architrave della nostra economia allucinata…

Sfruttando la nostra discreta conoscenza delle Nuvole Computazionali di Tecnonucleo in questi giorni abbiamo organizzato alcuni scherzetti davvero succulenti nel loro DaDaismo liberatorio…

  1. Abbiamo fatto evaporare dai Social Network localizzati in Italia una quantità notevole di messaggi pro Gary. Dovete sapere miei cari Ricercatori che se qualcosa di politica internazionale sale dall’Italia, Tecnonucleo va in allarme. I miei amici della Stampa Estera mi hanno sempre confermato la nostra fama di paese menefreghista e insensibile ai temi di politica internazionale. Immaginate lo stupore delle Macchine quando hanno visto salire dall’Italia twitteri vapori su Gary, che si andavano a condensare in foschi nuvoloni computazionali.
  2. Ho mandato a tappeto con l’aiuto di voi Ricercatori messaggi ai “politici” e ai “giornalisti” su Twitter. Questo ovviamente non perché ritenessi di “raggiungerli“. I nostri politici sono dei “simulacri” di umanità in ogni loro manifestazione via web. So benissimo che la politica italiana è riassumibile in una lotta a colpi di guerrilla e ambush marketing tra Pubblitalia, Gruppo l’Espresso e Casaleggio Associati. Ma io volevo solo che le Nuvole Computazionali trovassero gli hastag riferiti a Gary associati e posizionati saldamente accanto ai nomi dei nostri politici.

E’ stato un piccolo contributo, ma insomma neanche tanto piccolo, considerato l’entusiasmo che la nostra azione ha scatenato nei familiari e negli attivisti che sostengono Gary.

Sono stato informato da una persona vicino alla famiglia che la madre di Gary ha venduto addirittura la casa per pagare le spese legali del figlio. Pertanto quello che abbiamo fatto è davvero importante, perché abbiamo fornito una cassa di risonanza a chi non se la poteva permettere.

Asciugatevi le lacrime di commozione che ora viene il bello…

Non immaginate i cyberpolizziotti di Tecnonucleo come il protagonista de “Le Vite degli Altri“: un poliziotto sfigato che vive in una soffitta con le cuffie incollate alle orecchie a spiare ciascuno di noi. Tecnonucleo utilizza le Nuvole Computazionali per spiarci. E come quelle simpatiche nuvolette fanno piovere su di noi merci e spettacoli esattamente disegnate per soddisfare le pulsioni dei prosumer, così quando si fanno salire verso di loro vapori debitamente costruiti… beh scatta il cortocircuito narrativo colossale!

Così grazie a quelle Correnti del Caos che ormai conoscete benissimo l’altro ieri (09/11/2010) mi raggiunge questo messaggio:

Ve la faccio corta, cortissima!

Lo Home Office UK (l’equivalente del nostro Ministero dell’Interno) ha attivato il 09/11/2010 presso il sito http://www.homeoffice.gov.uk/media-centre/news/views-extradition una nuova iniziativa volta a sentire il parere dei propri cittadini in merito al vigente Trattato di Estradizione in essere con gli USA.

Lo Home Office chiede ora il parere del proprio  Popolo in merito all’eventuale “sbilanciamento” a favore degli USA del Trattato sulla base del quale Gary dovrebbe essere estradato. Ciò nell’ottica di una possibile revisione del Trattato!

Con Tweetstorm e Gilda35 abbiamo scritto una pagina importante della storia del web, e una volta tanto non sto scherzando.

A forza di batterci, chi dirige la stanza dei bottoni, chi è in cima alla Piramide, ha aperto la porta. Vuole sentire cosa ne pensiamo delle sue regole. Questo perché abbiamo rivendicato l’Umanità di Gary e la nostra.

Se le cose vanno a scatafascio nel mondo è perché abbiamo abbassato le nostre aspettative nei confronti di ciò che dovrebbero fare i Governi.

C’è molto da essere orgogliosi cari Ricercatori e poco da aggiungere.

Però lo aggiungo.

Facendo la giusta pressione sulle Nuvole Computazionali qualcosa di buono ogni tanto cade giù.

Post Scriptum: Oggi abbiamo festeggiato con un bel sabotaggio dei nostri, che sicuramente verrà boicottato da Toptweet nonostante 46 retwit in meno di 5 minuti e svariate varianti che hanno dilagato nella Rete questa sera. Per la cronaca segnalo che al suo apice il messaggio (fonte Tweetreach) ha raggiunto oltre 13.500 persone. Lo riporto qui a futura memoria:

Mi inchino davanti a voi Ricercatori, perché avete fatto piangere le nuvole!

Il mio ringraziamento speciale va a @Asphodelia@ezekiel@franki_kuka, senza i quali questa storia non avrebbe mai preso forma.

Grazie di cuore!

Free Gary Now!!!

Annunci

12 pensieri su “Anche le Nuvole Computazionali piangono

  1. Siamo noi che dobbiamo ringraziare voi, italiani Twittosi degni del nostro tricolore, avete giocato un ruolo importantissimo in questi ultimi giorni e avete riempito di orgoglio il mio piccolo cuore di emigrante ‘ramingo ed esule in suol straniero’. Non riesco neanche a scherzare perche’ tutto questo va al di la’ dello scherzo. GRAZIE AMICI.

  2. Il governo inglese, interpellando i cittadini sul caso di Gary McKinnon, dimostra un grande spirito democratico: presta la giusta attenzione ai dibattiti che nascono e si sviluppano in rete (come dovrebbe fare ogni governo democratico d’altronde). Inutile soffermarsi ulteriormente in tristi paragoni con la politica italiana e allo spazio che la rete occupa nella comunicazione pubblica del nostro Paese.
    Complimenti a @jovanz74 per aver innescato la miccia e a tutti noi per aver contribuito nel nostro piccolo a questo risultato.
    Fiero di essere diversamente italiano, ma prima di tutto cittadino della rete.
    Gary McKinnon free, now!

    • Quello che sta facendo lo Home Office UK può essere interpretato in due modi:
      1) il bisogno di aprire un dibattito REALE con le Comunità Online, per verificare come la pensano sullo sperequato Trattato di Estradizione USA/UK, quelli che sono considerati gli “opinion leader” di questa particolare forma di Società di Massa che alimenta Tecnonucleo;
      2) il bisogno di dare la SENSAZIONE che si sia giunti ad una decisione (presa autonomamente e arbitrariamente a priori da Tecnonucleo) attraverso la “consultazione popolare”.
      Le Computing Cloud sono un ecosistema “opaco” quindi stabilire quale delle due vie è praticata è pressoché impossibile.
      Però un fatto è incontrovertibile: abbiamo fatto sentire la nostra voce e il problema ai vertici della Piramide se lo stanno ponendo.
      Il che è di per sé un grandissimo risultato.

  3. Gilda sempre avanti.
    Non immaginavo che potessimo smuovere le acque in questa maniera, sono orgoglioso di contribuire nel mio piccolo, sono fiero di te Jovanz. Capo di tutti, e di nessuno, perchè su ognuno di noi si fonda la nostra opera 😉

    • Penso che a differenza di tante esperienze in Rete in cui si finisce per diventare una massa amorfa, tutti noi di #Gilda35 stiamo dimostrando personalità spiccate e visioni del mondo uniche e spesso anche molto divergenti tra di loro.
      “Capo di tutti e di nessuno” è una definizione che calza a pennello.
      #Gilda35 è il risultato di tante attività individuali molto caratterizzate tra loro. La totalità dei nonPOST e delle nostre “performance” dadaiste non avrebbe avuto luogo, senza azioni e stimoli molto forti provenienti dai Ricercatori.
      “Su ognuno di noi si fonda la nostra opera” Ti quoto!

  4. Cioè….. fammi capire Giovà…. WE DID IT?

    Siamo grandi e tu sei il nostro ultra(s)-degno portavoce a vita.

    E dopo aver fatto cambiare orizonti al governo Tory inglese, possiamo ben definirci RicercaTory!
    ahahahahaha

    allora andiamo avanti così, cambiamo questo mondo: sabotandolo sì, ma coccolosamente!

    un caro abbraccio a tutti gli amici ricercaTory, solo Tory e tutti gli altri segni zodiacali!

    • La cosa più divertente dell’intera vicenda è che l’iniquo trattato di estradizione UK/USA è stato sottoscritto dal New Labour di Tony Blair…
      La migliore riprova che quando si tratta di servire Tecnonucleo non esiste né Destra, né Sinistra, né Conservatori, né Progressisti… quando Tecnonucleo chiama la Politica risponde.
      E’ importante svegliarci dal torpore e adottare iniziative come quella di Gary che alle spalle (purtroppo per lui) non ha nessuno.
      Queste sono le occasioni per dimostrare che la Rete può essere “altro”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...