Amy Winehouse e il libro Wikipediano dei Morti

Il nuovo logo di Wikipedia?

Esimi Ricercatori ed Estimatori, come certamente saprete, lo scorso sabato 23 luglio 2011 A.D. si è spenta all’età di 27 anni la cantante inglese Amy Winehouse.

Lo sapete certamente perché nel Tritacarne Digitale di Tecnonucleo questa notizia vi ha raggiunto sotto forma di lanci di agenzia via testate online, via tweets e temi di tendenza di Twitter, via post di Facebook e della sua variante listata a lutto Google+, via video postati su Youtube, via feed reader, via post di tutti i blog possibili e immaginabili, ecc…

Come ogni volta in cui muore una delle icone biologiche, che animano l’immaginario della Mente Alveare, la reazione è stata abnorme, massiva, totalizzante. Tutto il resto era scomparso dall’orizzonte degli eventi.

Una Star si era spenta.

A me dispiace sempre quando un essere umano muore. Dispiace ancor di più quando muore giovane. Dispiace tremendamente quando muore per una dipendenza.

Certo non mi aspetto un minuto di raccoglimento o la recita dell’Ufficio dei Defunti… Però sabato Wikipedia mi ha realmente sorpreso. Negativamente.
Quando è stata diffusa la notizia era uno di quei rari momenti di relax in cui “leggo il giornale”… ossia surfo tra i vari siti di notizie… quindi sono praticamente inciampato nella notizia, quando ancora non si era propagata. Anzi la notizia doveva essere ancora confermata.

Poiché apprezzavo molto Amy Winehouse (il soul è una delle mie grandi passioni), decidevo di andarmi a leggere la pagina di Wikipedia dedicatale.
Restavo basito.

La pagina italiana già riportava la data della morte.

Stupito controllavo sulle pagine nelle altre lingue.

In ogni lingua, dialetto, lingua morta era riportata la data della morte.

Amy Winehouse era morta da pochi minuti e la data della sua morte era riportata ovunque.

Facevo notare in rete la cosa e Orlando Merone (sempre ottimo), mi segnalava qualcosa di ancor più grottesco: Amy Winehouse era stata inserita nel Club 27 non canonico (v. Club 27 di Wikipedia). Il Club 27 raccoglie le rockstar morte prima dei 27 anni. È una sorta di consacrazione post mortem come artista maledetto.

Ne ho parlato anche con alcuni Ricercatori, che armeggiano con Wikipedia, che ascrivono il fatto alla scarsa presenza di Moderatori.

Personalmente mi sembra una cosa davvero di pessimo gusto…

Professionalmente ritengo che prima di riportare un’informazione su un’enciclopedia bisognerebbe attendere che il cadavere sia freddo, altrimenti si rischia di peccare attualismo…

Su un altro versante invece mi vengono due suggestioni…

La prima quella di centinaia di “api operaie” che trascorrono la vita a setacciare la Rete e alla rapidità di un socialBOT a inserire l’informazione su Wikipedia, solo per postare un minuto dopo in qualche forum: “Hey Mama sono arrivato uno!”

La seconda quella che Wikipedia sia una sorta di Death Note… Un manga giapponese in cui esisteva un quadernetto maledetto, in cui se ci si scriveva il nome di qualcuno quello dopo pochi istanti moriva.. Wikipedia come setta occulta che trascrive PRIMA il giorno in cui le Star moriranno…

E ora mi riascolto “Live in Paradiso” di Amy Winehouse…

Annunci

14 pensieri su “Amy Winehouse e il libro Wikipediano dei Morti

      • il caso ha voluto proprio che appena lessi la notizia, digitando Amy Winehouse su Google trovai proprio la pagina wiki e rimasi allibito nel notare che c’era già la data di morte.
        Questa roba del Club27 invece non la sapevo, è spaventosa.

  1. Il lato oscuro di Wikipedia è il trattamento IP degli utenti. ti conservano per anni e ti inibiscono di accedere al servizio, altro che libertà di espressione!
    Non se ne parla molto di questo aspetto perchè Wikipedia è tra i servizi “simpatici” alla community on line.

    • il problema di wikipedia come purtroppo avviene per tutte le cose, sono le persone che ci sono dietro.
      spesso e volentieri mi sono trovato a leggere inesattezze spaventose, segnalate e mai corrette.
      conosco personalmente un paio di persone che vi sono dietro le quinte, persone che nella vita reale evitiamo perchè squallide, non mi meraviglia affatto quindi…

      quello che è certo è che non si debba fare di tutte le erbe un fascio, ma è certo che essere il fidanzato di un moderatore ti da la possibilità di scrivere cazzate spropositate.
      (A richiesta potrei anche fare nomi, cognomi e nickname!)

      Di Amy Winehouse, chiedo scusa ai suoi fanz, poco mi interessa, non era a mio avviso un’artista così “grande” da meritare tanto baccano, era mediocre e alla musica aveva dato lo stesso apporto culturale di Marilyn Monroe con “happy birthday mr president”.
      pace all’anima sua…ha scelto di suicidarsi.

      • Su Wikipedia sottoscrivo dalla prima all’ultima frase…
        Sulla Winehouse mi permetto di aggiungere che la poveretta aveva vissuto la sua stagione di massimo splendore tra il 2003 (pubblicazione di Frank) e il 2006 (Back to Black)… Ormai erano anni che come artista era finita… Tecnonucleo continuava a parlarne perché attendeva ansioso di inserirla nel Club 27… L’intera Mente Alveare attendeva con ansia, anzi le chiedeva questo gran finale… Se ne occupava solo per questo… E l’ha dimostrato.

    • Caro Massimo, tra i lati oscuri ascriverei anche quello di autodefinirsi “l’enciclopedia libera”, sottintendendo che le altre enciclopedie sono “serve” di qualcuno…
      Un simile atteggiamento in ambito scientifico non è assolutamente costruttivo…
      La solita lagna “io sono libero, i servi siete voi”…

  2. La freddezza e il cinismo mi lasciano molto spesso perplesso, ovunque avvenga.
    Ma per quello che riguarda Wikipedia non ci sei andato tanto lontano!
    Ci sono persone in rete che sostengono che il contenuto di wikipedia sia affiliato alla massaneria che ha l’interesse di condizionare i contenuti storici travisando fatti, alterando la storia!!
    Notizie che vengono «PRESE» dalla maggior-parte degl’utenti per vere, poichè è wikipedia!!
    Molti scrittori e sviluppatori a seguito hanno abbandonato la piatta-forma.
    Una delle pratiche più interessanti è quella di ri-scrivere la storia della chiesa, che sta tutti i giorni a riscrivere i contenuti, a sua volta cancellati e revisionati da esperti, molte pagine sono sospese per via delle contestazioni.

    • E poiché, caro Silvio, la stragrande maggioranza delle persone non possiede un’analogica enciclopedia cartacea… Le boiate sparate da perfetti sconosciuti hanno più peso del lavoro decennale di esperti… E così (spesso non sempre) il copia/incolla o l’opinione di un dilettante diventano il Verbo… Se non è maoismo digitale questo…

  3. @jovanz74 il tuo commento su wiki maoismo digitale l’ho ripostato sulla mia pagina di FB!(citando la fonte eh!)Notevole!
    @u-black tutto quello che dici svapora quando te ne esci che la Amy ” era mediocre e alla musica aveva dato lo stesso apporto culturale di Marilyn Monroe con “happy birthday mr president” Non si possono dire simili stupidaggini e poi pensare che le persone ti stiano a sentire..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...