Indigeni Digitali, come parlare di tecnologia con leggerezza

Digital Based People

Esimi Ricercatori, tra le esperienze più interessanti in cui mi sono imbattuto nel 2011 devo per forza di cose citare gli Indigeni Digitali, forse una Community unica nel panorama italiano.

Grazie al contributo attivo (ai limiti del workaholic) di Fabio Lalli è rapidamente cresciuta una Comunità Online, che raggruppa innovatori, tecnologi, informatici, blogger, social media expert per promuovere la Cultura Digitale in Italia.

Vi racconto un aneddoto (o parabola)…

Quando nella primavera di quest’anno mi ritrovai iscritto al Gruppo Facebook (pratica che di solito detesto, ma che talvolta, com’è questo il caso, può rivelarsi particolarmente interessante) mi imbattei  proprio nel progetto di produzione in crowdsourcing di un ebook sulla Cultura Digitale

Di primo acchito rimasi perplesso: “Oddio! Italiani che parlano di Cultura Digitale! Sai che pesantezza assurda!”

La pesantezza dei Top Blogger italici e del relativo codazzo di Social Media Expert è nota in ogni angolo del pianeta, per cui essere prevenuto non era fuori luogo…

Invece mi trovai di fronte a una Comunità Online quasi perfetta: non solo (caso rarissimo) la comunità era orizzontale (coi membri che si rinforzano a vicenda senza l’odioso rapporto leader/massa tipico delle comunità verticali italiane), ma l’approccio alle tematiche digitali era leggero, allegro e dinamico.

Ho apprezzato enormemente la scelta per cui i momenti di condivisione di idee sono stati sempre all’insegna dell’informalità e della convivialità nell’ambito di cene e aperitivi. Eventi che sono sempre stati intrisi di quello spirito anarchico, dissacratorio e autoironico, che mi ha ricordato le vecchie Comunità Nerd dei miei esordi nel web.

Devo anche ammettere che grazie agli Indigeni Digitali ho rivalutato i geek, che prima avevo sempre ascritto a degenerazione modaiola dei Nerd. E’ veramente gratificante conoscere giovani informatici e blogger, che vivono l’innovazione come un incredibile “hobby a tempo pieno”.

Così per me è stato del tutto naturale il 22 dicembre iscrivermi all’Associazione degli Indigeni Digitali, evoluzione naturale del discorso portato avanti da Fabio Lalli e dagli altri community manager dell’omonimo Gruppo Facebook.

Indigeni Digitali è un progetto che sostengo, un network interessante e vivace che ha tutte le carte in regola per svecchiare il modo con cui fare comunicazione intorno al Web.

Esimi Ricercatori vi lascio con questa carrellata di video, che vedono la mia partecipazione agli eventi degli Indigeni Digitali sempre nell’atto di proferire mirabolanti “verità rivelate“.

Ringrazio sentitamente Antonio Lupetti (autore di quasi tutti i video), per aver sempre colto il lato più rigoroso, sobrio e austero della mia persona…

Aperitivo Indigeni Digitali Roma 25 ottobre 2011 – parte prima

Aperitivo Indigeni Digitali Roma 25 ottobre 2011 – parte seconda

Indigeni Digitali – Quando le teste piumate ci misero la faccia

Indigeni Digitali – Cena di fine anno 22 dicembre 2011

Annunci

8 pensieri su “Indigeni Digitali, come parlare di tecnologia con leggerezza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...