La mia giornata al Festival Internazionale del Giornalismo 2015

Se siete lettori assidui di questo blog saprete già che venerdì 17.04.2015 ho partecipato al Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia con un evento chiamato “Bufale Senza Latte” insieme a Francesco Lanza e il collettivo di Gilda35.

Per me che faccio il giurista d’impresa è stata una esperienza bizzarra e molto divertente, pertanto mi perdonerete se in questa rapsodica esposizione mischierò note di colore e riflessioni un po’ più strutturate.

La Cornice

L’accoglienza che ci hanno riservato gli organizzatori devo dire che è stata suntuosa e mi ha lasciato molto soddisfatto. In particolare mi ha colpito il livello di professionalità dei volontari che sono stati estremamente gentili e competenti. Quando parlo con giovani giornalisti così brillanti mi chiedo sempre perché nei mass media si dia risalto sempre i soliti tromboni incompetenti. Ma il nostro è un paese vecchio e ne prendo atto.

E’ stata l’occasione per incontrare tantissime personalità del digitale, con cui negli anni ho sviluppato legami di amicizia. Tra tutti gli incontri però quello che mi ha dato maggiore soddisfazione, al di là di infinite rimpatriate con amici vecchi e nuovi del digitale, è stato quello col Venerabile Anonimo Coniglio, la cui presenza in sala rendeva Snowden particolarmente nervoso.

I tre giorni del Coniglio

Altra cosa che mi è piaciuta davvero tanto è stata quando svariate superstar del giornalismo dileggiate nel corso della mia pluriennale carriera come ilare burlone dadaista mi hanno incrociato col cartello da SPEAKER al collo guardandomi tipo: “Aspe’… chi è sto tizio? Lo conosco… mi sta pure antipatico per qualche ragione… ma chi accidenti è?” So’ soddisfazioni.

La grande sequenza aperitivo/cena/ammazzacaffè con rimpatriata epica con amici vecchi e nuovi è stato il delizioso suggello a tutta la giornata.

L’evento

Per chi si fosse perso la diretta streaming dell’evento, giacché sono una persona infinitamente magnanima, qui posterò alcune risorse, sebbene ritenga la mancanza imperdonabile.

Innanzitutto questo è il video dei nostri mirabolanti interventi:

Le slide del mio intervento su Magalli e Rickrolling:

Il post di spiegazione delle slide:

bsf

La galleria fotografica della giornata (le foto schifose sono le mie quelle bellissime sono dei volontari):

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il resoconto di Francesco Lanza (che è una persona stupenda e ci tengo a ribadirlo) su ciò che ha funzionato e non nella giornata:

Screenshot 2015-04-21 23.01.30

Ultimo ma non per importanza riporto i materiali che il collettivo di Gilda35 (gli inarrivabili Pierluigi Canino, Renato Gabriele Ucci, Aldo Pinga e Domenico Polimeno) avevano messo a disposizione per l’evento, ma che causa disfunzioni varie della sala non è stato possibile utilizzare:

Screenshot 2015-04-21 23.04.43

Su IJF15.Gilda35.com

Purtroppo causa il tempo tiranno e la sala non coperta adeguatamente dalla Rete non è stato possibile sviluppare appieno il discorso del collettivo di Gilda35 sui materiali posti a disposizione per l’evento.

Così qui esprimo un paio di personali impressioni a caldo.

In sintesi quelli di Gilda35 hanno presentato tre esperimenti:

  • #IJF15 top shared URLs: è un esperimento che mi ha affascinato perché mostra visivamente come si raduna e come si compone una comunità attorno a un link. Mi ha dato come l’impressione di uno stormo che cerca di spingere alle vette dei temi di tendenza la propria url di riferimento. Molto affascinante vedere l’effetto 1 vale 10, 100, 1000 su alcuni link che erano spinti sempre dagli stessi “pivot” (quelli che nel mio intervento chiamo i membri dello sciame in posizione strategica).
  • #DadaWorldCloud: l’esperimento durante la diretta dell’evento e nei giorni che lo hanno preceduto è stato molto affascinante. In pratica venivano estrapolate dai tweet contenenti l’hashtag #IJF15 le parole chiave e venivano associate in modo casuale. Le associazioni che venivano fuori in alcuni casi erano assolutamente epifaniche. Davvero un bel prodotto dadaista.
  • #TwitterRoulette: questo è stato l’esperimento che mi ha sconcertato di più. In pratica hanno estrapolato e aggregato in forma di report i metadati contenuti nei tweet dei politici nostrani. Ho trovato l’effetto disturbante. Facciamo un gran parlare di privacy poi in pratica abbiamo demandato una discreta fetta della nostra comunicazione ordinaria, commerciale e ora anche istituzionale a strumenti di controllo assai pervasivo. Sarà pratico, veloce, divertente, ma a me questo effetto panopticon, per giunta applicato a cariche istituzionali, piace molto poco. Più che un esperimento è una presa di coscienza.

Concludendo

Insomma al di la di tutto mi ha fatto un gran piacere quando uno dei volontari che si occupava del nostro evento si è avvicinato e mi ha detto: “Ho visto tanti interventi in questi giorni, ma nulla come il vostro. Ci avete dato la pillola rossa di Matrix”. E questa è la migliore gratificazione che potevo trarre da questa esperienza.

Annunci

2 pensieri su “La mia giornata al Festival Internazionale del Giornalismo 2015

  1. Un video veramente interessante dal quale si imparano molte cose e si comprende meglio il mondo della comunicazione, quello vero è “quello artificiale”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...