Gli Occhi del Drago 6: Episodio 7 “Broken Man”

Ormai in Game of Thrones è invalso il metodo del mash up a tema. Si prende un pensierino, come di consueto, su cui sviluppare la trama. Dopodiché si inizia a buttare giù la storia infarcendo il tutto con rimandi ad altre serie o film di successo. Il risultato è un polpettone fantasy, in cui da un momento all’altro ti aspetti che sbuchino fuori Bud Spencer e Terence Hill, che prendono a sganassoni cavalieri in cotta di maglia.

Il tema di oggi è “Broken Man” e subito parte la voce fuori campo di Vulvia, che ci spiega la sinossi dell’episodio…

Cavalieri! Sono stati i protagonisti di Game of Thrones, si scontravano a cavallo protetti da pesanti armature e poi si sfasciavano: ma perché si sfaciavano? Chi li spingeva a sfasciarsi? C’era uno dietro che li spingeva? Scopritelo, su Gli Occhi del Drago! Spingitori di cavalieri sfasciati, su Gli Occhi del Drago!

(Vulvia, Sinossi)

Ma andiamo con ordine, che la puntata di oggi fa venire le vertigini da citazionismo carpiato…

GODD6-7 mastino

Nel Far West di Westeros si gira il remake di “Lo chiamavano Trinità”

Il ritorno sulla scena del Mastino avviene con modalità che danno veramente da pensare…

Beinoff: “Allora chi facciamo tornare in vita sta puntata?”

Weiss: “Lo zombie invasato dal Dio Rosso di Catelyn Stark! Lady Stoneheart, che impicca i Frey!”

Beinoff: “Ma io voglio far risorgere il Mastino!”

Weiss: “Ma che palle il Mastino ha passato quaranta puntate a passeggiare con Arya e mangiare pollo, per morire come un poraccio per mano di Brienne, quando quella donna era all’apice della propria inutilità narrativa. Dai te prego il Freddy Kruger di Westeros no!”

Beinoff: “Sì però settimana scorsa hai deciso tu di resuscitare Zio Ben Martellone Infuocato Stark, hai resuscitato Jon Tu non sai niente Snow, hai resuscitato Gregor la Montagna che Cavalca Clegane… E io niente!”

Weiss: “Vabbé resuscitiamo sto Mastino, che palle!”

Il Mastino resuscita così in una sorta di remake psichedelico di Lo Chiamavano Trinità. C’è una tranquilla comunità di Mormoni, che nel Far West di Westeros sta edificando una chiesa dedicata ai Sette Dei. Visto che siamo nel West arriva dritto dritto da Deadwood il perfido Al Swearengen, che ha cambiato vita. Al ha smesso di stuprare, uccidere e rubare, ha trovato Gesù e ora è diventato un septon, che anima una comunità di anime pie dedite alla non violenza.

Il buon septon, che fu Al Swearengen, ci racconta come ha salvato il Mastino dalla morte certa… In pratica l’ha trovato putrefatto e l’ha resuscitato lavandolo…

Anche lui puzzava come te quando arrivò qui; ci vollero tre pezzi di sapone per vedere il colore della pelle.

(Il septon riferito al Mastino, da Lo Chiamavano Trinità)

…e poi l’ha indottrinato col solito sistema dei Passeri Ribelli, che magicamente trovano tutti estremamente convincente…

Riprendi nel tuo gregge questa pecorella smarrita, che trasformerà le sue armi in strumenti di pace e lavoro. In Tua gloria, sarà circonciso per rispettare la tua legge. Dagli la forza di creare un tempio nel quale cantare i Tuoi inni. Lavorerà fino a rompersi la schiena, dissoderà i campi, seminerà e raccoglierà il frutto del suo lavoro, taglierà boschi, costruirà case, e alleverà bestiame. Quando al calar della notte tornerà a casa distrutto dalla fatica, giulivo e felice verrà nel Tuo tempio a cantare la Tua gloria. Grazie per avere ripreso il nostro nuovo fratello nel Tuo gregge. Rendilo meritevole della Tua pietà …e illumina la sua esistenza con la luce del Tuo spirito. Amen.

(Preghiera del septon per l’anima del Mastino, da Lo Chiamavano Trinità)

E’ un western fantasy, quindi poiché le cose vanno bene, tutto deve andare storto (nulla che non avessimo già visto in “Red County” di Joe Abercrombie). Così arrivano tre banditos in armatura con la faccia da messicani, che appartengono alla Fratellanza Senza Vessilli (quella del Prete Rosso e di Beric Dondarrion, che combattono Frey e Lannister). I banditos chiedono al septon cibo e acciaio, ma questo mentendo rifiuta di consegnarglieli.

Il Mastino prova a spiegare al septon, che siamo in un western e che quindi tra poco i banditos torneranno coi rinforzi e ammazzeranno uomini donne e bambini (ammazzare i bambini poi è l’hobby preferito del Dio Rosso).

Il septon rifiuta di capire, crede di essere ancora in un fantasy e che i cavalieri erranti siano persone ragionevoli. Poraccio.

Va tutto a puttane rapidamente.

Mentre il Mastino va a spaccare legna nel cuore della foresta (mica fesso, le regole del western le conosce lui!), la confraternita di Mormoni dei Sette Dei viene spazzata via dalla Fratellanza di Banditos Senza Vessilli.

Il Mastino si imbufalisce, prende l’ascia e si appresta a vendicare quelle povere pecorelle, mormorando fra se…

Se ci fosse stato Bud Spencer tutto questo non sarebbe successo.

Stile: Siamo in un mix psichedelico tra Deadwood, Lo Chiamavano Trinità e La Casa nella Prateria, in cui le spade sostituiscono le rivoltelle. Persino l’abbigliamento dei Mormoni dei Sette Dei rievoca lo spaghetti western.

Spezzamenti: Il Mastino è un uomo spezzato, dal volto che racconta tutte le tragedie, che hanno costellato la sua vita: le torture subite da parte della Montagna che cavalca, la sconfitta inflittagli da Brienne, l’abbandono da parte di Arya. L’unica via di uscita dalla sua condizione è scegliere la via della vendetta e trasformare il tutto in un revenge movie.

GODD6-7 margherita

Ad Approdo del Re la Regina Margherita salva la Regina di Spine

Quel genio tattico della Regina Margherita ora trascorre le giornate a fare la parte della santa donna tutta castello e chiesa. E’ talmente pia che l’Alto Passero la redarguisce perché non intrattiene più sessualmente Re Tommen l’Inetto…

Il dialogo è tipo:

Passero: “Insomma figlia mia, abbiamo bisogno di un erede al trono!”

Regina: “Santità, mi perdoni, ma avevo capito che entrando nella Chiesa non si trombava più.”

Passero: “Hai equivocato, figliola. Noi non siamo contro tutto il sesso. Siamo solo contro il sesso, in cui si prova diletto. Se è sesso triste, anorgasmico e solo procreativo per la nostra Chiesa va bene.”

Regina: “Capisco Santità.”

Passero: “A proposito di inculate feroci… Abbiamo spezzato te, abbiamo spezzato tua suocera Cersei, abbiamo spezzato tuo marito Tommen l’inetto, abbiamo spezzato quel frocio impenitente di tuo fratello Loras, abbiamo spezzato lo Sterminatore di Re, abbiamo annientato Lannister e Tyrell di fronte a tutta la città… ma tua nonna, la Regina di Spine, come sta?”

Qui parte una bella sequenza, in cui la Regina Margherita, che ormai va vestita come un’educanda con la Septa Wrestler alle calcagna, riesce con uno stratagemma a convincere la nonna a scappare da Approdo del Re, prima che l’Alto Passero le somministri una cura medioevale per la propria incredulità.

Il momento in cui Margherita passa alla nonna un disegno con lo stemma dei Tyrell, per farle capire che sta conducendo le danze, manipolando l’Alto Passero, è notevole.

Prima di andarsene da Approdo del Re, la Regina di Spine butta un po’ di cacca in faccia a Cersei. E questo in qualche modo ci gratifica.

Stile: Tutta roba molto Downton Abbey, con Lady che si lanciano frecciate all’ora del tè.

Spezzamenti: La Regina Margherita sembra spezzata e castigata, ma appare come l’unica in grado di contrastare veramente l’Alto Passero. Il momento, in cui mostra di essere risanata è tutto nel passaggio del foglietto con lo stemma.

GODD6-7 stark

Nel Nord prosegue il casting di Stark’s got Talent

Jon, Sansa e Ser Davos cercano di convincere le casate dei Nord a seguirli nella propria folle guerra contro i Bolton.

Il redivivo Jonny riesce a convincere i Bruti a seguirlo con un brillante ragionamento tipo:

“Però io quando c’era da morire per voi sono morto.”

(da “Le lamentazioni di Jon Snow”)

La logica dei Bruti ci sfugge, ma si convincono a ricambiare il favore.

Nell’Isola degli Orsi facciamo la conoscenza di Lady Lyanna Mormont, una ragazzina di dieci anni con un temperamento, che ci fa desiderare la sua candidatura a sindaco di Roma. Solo l’intervento provvidenziale di Ser Davos, riesce a portala nell’alleanza. Ser Davos recita talmente bene rispetto a Sansa e Jon, che potrebbe pronunziare l’alfabeto coi rutti e uno griderebbe lo stesso al miracolo.

Dai Glover le cose vanno peggio. Il Lord rinfaccia a Sansa tutte le puttanate fatte dal defunto Re Robb e rifiuta di seguire gli Stark nell’ennesima avventura disperata. E direi pure che c’ha ragione. Alla fine Sansa scrive una misteriosa richiesta di aiuto, che affida a un corvo (destinatario? Dito Corto? Brienne? Pesce Nero?)

Stile: Siamo sempre dalle parti di Downton Abbey, solo che qui siamo in cotta di maglia.

Spezzamenti: Qui sono tutti uomini spezzati. Jon morto e resuscitato, Ser Davos menomato delle dita e sconfitto, Sansa seviziata, che si rivolgono a casate di uomini spezzati e distrutti. Il Nord è un macello.

GODD6-7 pesce nero

A Delta delle Acque prosegue un improbabile assedio

Si riforma la coppietta Jamie e Bron, che vanno a dare manforte ai Frey nell’assedio di Delta delle Acque, dove Pesce Nero ha radunato le forze lealiste dei Tully. In pratica è una sorta di assedio per VIP ormai segati dalle trame principali, che muoiono di fame.

Delta delle Acque è l’Isola dei Famosi dei Sette Regni.

Seguono scene di risibili minacce a vuoto al termine delle quali si capisce una sola cosa:

“Lannister, Frey, inutile che vi impegniate. Non sarete mai tosti come Pesce Nero Tully”.

Stile: Qui la barra viene mantenuta un po’ più a dritta e pare ancora il Trono di Spade.

Spezzamenti: Quando entra in scena quest’uomo spezzato, cui hanno distrutto la casata, cui tengono prigioniero il nipote, cui hanno tolto tutto… beh tutti diventano degli gnomi. Pesce Nero facce sogna’ e ammazza male un bel po’ di Lannister e Frey.

GODD6-7 yara

Sul Ponte delle Puttane di Volantis Yara motiva Theon

A Volantis scopriamo che Yara è lesbica e non ne fa alcun mistero con la propria ciurma… che intende offrire la sua flotta a Daenerys, per poi andare ad ammazzare il caro zio Euron… e che tiene un casino al proprio fratellino spezzato nel corpo e nello spirito.

Stile: una cosa stramba tra “In treatment” e “Orange is the new black”, psicoterapia tra una toccatina lesbo e una pinta di birra.

Spezzamenti: Yara fa un bel discorso motivazionale al fratello così riassumibile:

“Uomo spezzato, tagliati le vene, oppure smettila di rompere i coglioni”.

Stranamente sembra funzionare.

GODD6-7 arya

Erasmus da Incubo: Braavos. La Resa dei Conti

Visto che Arya è molto intelligente, gira spavalda per la città, senza minimamente camuffarsi, e prenota un posto in prima classe su un mercantile con una ingente somma di denaro evidentemente rubata.

Ovviamente l’Orfana la becca e la pugnala. Arya scappa e gironzola per la città sanguinando.

Tutto senza senso come al solito. Ma va bene così.

Stile: E’ tutto molto allucinato. Un po’ Fight Club, un po’ Mission Impossible, un po’ Face Off… Potrebbe essere tutto un sogno, Arya potrebbe essere l’Orfana e viceversa… oppure è Jaqen che interpreta tutte e due chiuso in cantina. Boh!

Spezzamenti: Più che spezzata, una ragazza sbudellata.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Resta aggiornato col canale Telegram di Un Altro Orizzonte.

Nelle puntate precedenti:

Sempre su Game of Thrones

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...